Diari / Diari Dei Campi Di Hiso 2011 - Loc. S.barbara - Torchiarolo (br)

I Campi di Hiso - 11/21 luglio 2011 (2°campo) – Torchiarolo (Br)

Quando mi è stato chiesto di partecipare come coordinatrice ai Campi di lavoro in Puglia, nei terreni confiscati alla Sacra Corona Unita, non avevo idea di cosa mi aspettasse, nemmeno dopo il corso di formazione. Dalla teoria alla pratica c’è sempre un’abisso!

Il programma era ben definito in partenza:
Lavoro nei campi confiscati al mattino, recupero dell’immobile nel quale alloggiavamo, incontri di formazione specifici nel pomeriggio con Ospiti che quotidianamente operano nell’antimafia, e nella lotta per la legalità.
Alla sera scoperta/conoscenza dei luoghi e persone nei Comuni circostanti, attraverso varie manifestazioni organizzate da Libera ed i Circoli Arci locali.

Il mio bagaglio culturale sulla storia delle mafie era molto limitato, ma soprattutto ho realizzato quanto filtro ci sia da parte dei mass-media che trattano questo tema.
Così mi sono lasciata condurre in questa realtà poco alla volta, attraverso il lavoro nei Campi dove senti la fatica addosso, ma sai che quello che stai facendo ha un valore molto più profondo, ridare legalità e dignità a quelle terre e alle persone che ci lavorano e ci vivono.
E la fatica scompare immediatamente!
Ho ascoltato i racconti di convive quotidianamente con la paura, la solitudine, la rabbia data dalla costante presenza della mafia in tutte le sue forme.
Ma c’è anche chi, come i ragazzi della Cooperativa Libera Terra Puglia di Mesagne, hanno unito le loro forze per dimostrare che si può e si deve fare qualcosa per vivere in LEGALITA’ e combattere le mafie. I 30 ettari di vigneti, facenti parte della confisca dei beni ad uno dei cassieri della SCU producono oggi vino, ma con un valore aggiunto, ognuno dedicato a vittime di mafia o eventi mafiosi. Per non dimenticare… MAI!

Solo dopo qualche giorno ho cominciato a maturare l’importanza di questi Campi…
LA PRESA DI COSCIENZA E CONOSCENZA DA PARTE DI TUTTI NOI E’ FONDAMENTALE!

Questo Campo era composto da giovani ragazzi volontari provenienti dal nord Italia e Spagna, che hanno dato anima e corpo in quei giorni, hanno vissuto, assorbito tutto ciò che arrivava loro dalla terra e dalle persone. Si sono confrontati tra loro ed i ragazzi del posto, scambiate opinioni, posto domande alle quali hanno sempre ricevuto risposte chiare e trasparenti, e non edulcorate come spesso accade.
Questi ragazzi ora sono rientrati con un bagaglio in più, con il quale avranno la possibilità di seminare attraverso le loro parole nelle loro famiglie, agli amici, nelle scuole, università… Sperando che il prossimo raccolto sia ricco di NUOVI CITTADINI che vorranno partecipare a queste esperienze degne di essere vissute, per un impegno morale che ci accomuna tutti, dal nord al sud!
E perché no, far sì che questa esperienza possa un domani rientrare nei programmi didattici delle scuole, perché è un nostro diritto far acquisire COSCIENZA e CONOSCENZA nella lotta contro le mafie ai futuri Uomini e Donne che dovranno proseguire questo cammino.

Un ringraziamento obbligato ai ragazzi della Cooperativa Libera Terra, Alessandro, Fabio, Ivano, per l’ospitalità e disponibilità che ci hanno regalato. A Vincenzo, braccia e cuore grande della Cooperativa, che tutti i giorni cura quei terreni come se fossero suoi figli!
Ai ragazzi dei Circoli Arci “La Factory” di S.Pietro Vernotico e “Salento Fun Park” di Mesagne, che ci hanno coinvolto nelle loro iniziative, con il loro entusiasmo e voglia di fare qualcosa di buono ed in legalità per il loro territorio.
Grazie anche ad Alfredo Polito Arci Brindisi, per aver dimostrato fiducia in me e nel mio operato nonostante qualche difficoltà.
Ma un Ringraziamento speciale a Luca Merico coordinatore dei Campi per la Cooperativa, faro illuminante e spirito guida per me ed i ragazzi, senza il tuo aiuto io non ce l’avrei mai fatta!

Federica Sabioni (Chicca)
Circolo Arci Fuori Orario

Campi di Hiso - Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

12 luglio 2011

Il gruppo del 2°campo è praticamente al completo, manca all’appello solo una ragazza che arriverà domani pomeriggio.
Le opinioni all’arrivo in Villa sono molto positive, le differenze di età non ci preoccupano anzi, pensiamo che possa essere un interscambio culturale reciproco e costruttivo per tutti noi, visto e considerato che all’interno del gruppo ci sono anche due ragazzi spagnoli.
Dopo un pranzo magnifico, COMPLIMENTI AI CUOCHI!!! ... Luca Merico, coordinatore dei Campi per la Cooperativa, ci ha illustrato in linea generale la storia della Villa e del contesto circostante, oltre all’organizzazione dei lavori che ci aspetterà nei prossimi giorni.
Benchè fosse un’introduzione generale, abbiamo avuto l’idea di quanto siano accurate e dettagliate le informazioni disponibili su questa realtà... Ma abbiamo ancora tanto da apprendere, scoprire e vivere...
E quindi su le maniche, puliamo insieme la casa del Boss e andiamo a cena.
Domani sveglia alle 4 per andare nel vigneto facente parte del terreno confiscato alla Sacra Corona Unita.

Buonanotte da Gabriela, Daniela, Paola, Juan Antonio, Luca, Teresa, Louise, Francesco, Zakaria, Gabriela e Chicca

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

13 luglio 2011

Anche oggi la sveglia è suonata alle 4,30 per andare nel vigneto vicino alla Villa nella quale alloggiamo in questi Campi, confiscata al cassiere della Sacra Corona Unita, Antonio Screti.
Abbiamo continuato il lavoro precedentemente iniziato da ragazzi di una scuola della zona, si tratta di predisporre un vigneto per un nuovo reimpianto dopo che quelle viti sono state abbandonate da quando c’è stata la confisca dei beni.
Mentre la maggior parte di noi era impegnata nel campo a sradicare i pali guida ed i relativi fili di ferro per il sostegno della vite, un’altro gruppo era impegnato nella Cantina privata che produce il vino per la Cooperativa Libera Terra Puglia, per l’etichettatura delle scatole di confezionamento dei prodotti biologici.
Dopo pranzo, abbiamo avuto il secondo incontro di formazione con il Magistrato Guglielmo Cataldi, sostituto procuratore di Lecce dal 1994; il quale ci ha descritto minuziosamente la storia e le attività della Sacra Corona Unita, partendo dal rito di iniziazione fino ad arrivare alle dinamiche dei processi eseguiti con i boss mafiosi attualmente tutti incarcerati.
Nella serata siamo andati a Mesagne alla Rassegna di Estate Liberi 2011, per assistere alla lettura di alcune poesie di Guido Catalano nel suo spettacolo intitolato “Da solo Reading – Poesie d’amore, non d’amore del terzo tipo”.

Ciao a tutti!
Gabriela, Daniela, Paola, Juan Antonio, Gabriela T., Luca, Teresa, Louise, Francesco, Zakaria, Giulia

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

14 luglio 2011

Anche oggi ci siamo divisi in due squadre, una è tornata alla Cantina per proseguire il lavoro di etichettatura e l’altra è rimasta nel vigneto da reimpiantare per rimuovere i tubi di irrigazione. Subito dopo pranzo e dopo un breve (ma meritato) riposo, è venuta ad incontrarci la Dott.sa Valeria Pirè, direttrice del Carcere di Trani che ci ha raccontato il suo iter professionale, l’organizzazione delle carceri italiane e dei suoi progetti di reinserimento dei detenuti nella società. E’ stato un incontro molto interessante perché ci sono state fornite informazione chiare e dettagliate anche a livello burocratico amministrativo, ci ha portato esempi pratici e diretti che ci hanno permesso di capire le problematiche che si presentano durante la detenzione e nel periodo successivo. Riguardo a quest’ultimo punto la Dott.sa Pirè mira ad organizzare delle piccole attività produttive che facilitino il reinserimento e che al contempo prevengano l’intensificazione delle attività criminali nelle zone interessate da questa problematica.
In serata serata siamo stati ospiti per un aperitivo presso il Circolo Arci Salento Fun Park di Mesagne dove abbiamo avuto la possibilità di conoscere i ragazzi che ne fanno parte.

Ciao a tutti voi!
Gabriela, Daniela, Paola, Juan Antonio, Gabriela T., Luca, Teresa, Louise, Francesco, Zakaria, Giulia

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

15 luglio 2011

Di prima mattina ci siamo recati di nuovo in vigna, poi ci siamo divisi tra chi è ritornato alla Cantina per l’etichettatura delle scatole di vino, e chi è rientrato in villa per cominciare la pulizie e riordino della zona esterna in previsione della Festa “TANA LIBERA TUTTI”
Evento creato in collaborazione tra Arci Reggio Emilia, Circolo Arci Fuori Orario, Cooperativa Libera terra Puglia e Libera, che si terrà martedì 19 luglio (anniversario della morte ci Salvatore Borsellino) direttamente qua in villa. Nella serata saranno previsti due concerti, bar e panini alla griglia. Come di consueto nel pomeriggio abbiamo tenuto un altro incontro di formazione con Don Raffaele, cappellano del carcere di Lecce, già precedentemente conosciuto in un altro incontro. Insieme a lui c’era Massimiliano Galiulo, ex affiliato alla Sacra Corona Unita. Il discorso è iniziato con una “provocazione” voluta da parte di di Don Raffaele che ci ha fatto in merito al trattamento subito dai detenuti nelle carceri italiane. Ha fatto si che ci soffermassimo a riflettere attentamente sul perché sia giusto concedere loro condizioni di vita tollerabili e accettabili, in quanto lo scopo del carcere deve comunque essere quello di rieducare i detenuti per un successivo reinserimento nella società (come sancito dall’art. 27 della Costituzione italiana).
Tutta questa premessa interessante per introdurre la testimonianza di Massimiliano, il quale si è reso disponibile a rispondere a tutte le nostre domande, in particolare sulla sua esperienza in carcere e la sua vita precedente, includendo particolari dettagliati che si possono apprendere solo dal diretto interessato. Massimiliano, ha quasi quasi finito di scontare la pena, che fino ad ora gli è costata 19 anni, di cui quest’ultimo anno passato in semi libertà. Il suo è un caso senza precedenti in quanto si è consegnato spontaneamente, confessando i suoi reati e scegliendo di non diventare collaboratore di giustizia (gli altri 3 del suo gruppo lo hanno fatto). Da un anno a questa parte, grazie anche a Don Raffaele, lavora per la Cooperativa Libera Terra Puglia, diventando in questo modo il primo condannato di mafia che lavora all’interno dei campi confiscati alla Sacra Corona Unita.

Ciao a tutti i volontari da Teresa, Gabriela B., Giulia.

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

16 luglio 2011

Anche oggi sveglia alle 5 per sfruttare le ore meno calde della giornata. Ormai ci siamo abituati!
Il programma della giornata prevedeva la pulizia del giardino e degli edifici esterni alla villa, in vista della Festa “TANA LIBERA TUTTI” di martedì 19 luglio. Suddivisi in squadre, abbiamo iniziato di buona lena ad estirpare le erbacce dalle aiuole, sistemazione del giardino/frutteto di fronte alla veranda della casa, raccogliere tutte le foglie secche e pulire con l’acqua i locali circostanti la villa .
Soddisfatti del lavoro svolto, riponiamo gli attrezzi di lavoro, e alle 11 rientriamo in villa. La giornata è continuata con il piccolo riposo pomeridiano, in attesa dell’appuntamento di con il Presidente Alessandro Cobianchi, coordinatore della Carovana e responsabile dell'area Legalità e antimafia sociale dell'Associazione ricreativa e culturale italiana (ARCI), e Gloria Notini.
Continuando il percorso iniziato con gli incontri dei giorni scorsi, focalizzati sull’apprendimento delle problematiche del carcere, Alessandro e Gloria ci hanno parlato a lungo della criminalità organizzata, delle condizioni all’interno del carcere e delle attività che vengono promosse ai detenuti. Per approfondire le tematiche è stato chiesto a ciascuno di noi di riportare uno stereotipo e i nostri dubbi sull’argomento.
Domattina ci aspetta l’attività di volantinaggio in spiaggia per la festa in villa “TANA LIBERA TUTTI” che si terrà martedì 19 luglio.

Buona notte a tutti voi!
Gabriela T., Gabriela B.

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

17 luglio 2011

Sveglia suonata alle 7,
e ci siamo messi in viaggio per il mare, vicino a Porto Cesareo, dove abbiamo fatto promozione con i volantini per la festa del 19/07 “TANA LIBERA TUTTI”. Prima però ci siamo fatti un bel bagno tutti insieme!
Nell’incontro del pomeriggio abbiamo avuto ospite Alessandro Tedesco, figlio di una vittima di mafia. Ha raccontato del padre, Gian Battista, che dopo aver prestato servizio nel corpo dei Carabinieri, è diventato addetto alla sicurezza in uno stabilimento siderurgico. Tedesco fu assassinato perché si era accorto di traffici illeciti all’interno dello stabilimento ed aveva redatto un dossier, “stranamente” scomparso dal suo armadietto subito dopo l’omicidio. La loro famiglia da quel momento si è chiusa nel dolore, continuando la loro vita come se Gian Battista fosse ancora lì. Passati vent’anni però, Alessandro che nel frattempo si laurea in giurisprudenza diventando avvocato; conosce l’associazione di Libera e da quel momento decide di raccontare la propria esperienza. Ad oggi insieme a Libera, partecipa a corsi, incontri di sensibilizzazione nelle scuole e non solo.
Serata a Mesagne, per la festa del patrono, ancora un po’ di volantinaggio e poi… TUTTI A LETTO!
Giulia, Teresa, Gabriela B., Daniela, Gabriela T.

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

18 luglio 2011

Continuano i preparativi della festa “TANA LIBERA TUTTI”, suddivisi in squadre abbiamo ripulito l’area cortilizia della villa, eliminato le sterpaglie dai giardini, e poi siamo passati alla pulizia delle stanze e della veranda. Prima di pranzo sono venuti a trovarci dei ragazzi della nostra età, del progetto Albachiara in collaborazione con Libera. Questo progetto coinvolge nove regioni italiane, ed è improntato sull’educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva. I ragazzi ci daranno una mano per la preparazione della festa!
In serata sono venuti in villa i ragazzi dei Circoli Arci di S.Pietro Vernotico “La Factory” e da Mesagne “Salento Fun Park” ed abbiamo festeggiato con loro il compleanno di Gabriela B.
Stanchissimi ma felici andiamo a letto presto, domani è una giornata molto impegnativa!!
Giulia, Teresa, Gabriela B.

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

19 luglio 2011

Eccoci dunque arrivati al giorno dell’evento tanto atteso “TANA LIBERA TUTTI” che quest’anno cade nel giorno dell’anniversario della strage di via Amelio dove perse la vita Paolo Borsellino.
Affiancati dai ragazzi del progetto Albachiara, abbiamo realizzato la cartellonistica per la raccolta differenziata, segnaletica per i servizi igienici, i punti distribuzione panini e bar. Poi successivamente sono stati posizionati negli spazi precedentemente designati.
Nel pomeriggio ultima messa a punto, un po’ di pulizia del piazzale, controllo generale degli spazi e via…
Alle 21 si aprono le porte, tutti noi siamo stati divisi per gruppi: bar, panini, pulizia piazzale, e vigilanza agli accessi in villa. In veranda c’era una mostra dell’associazione “Nero carbone” contro la Centrale a Carbone di …
Nel cortile è stato montato un palco dove suoneranno due band: “Mezzatesta & Soci” e i “Papa Chango”
Uno spazio dedicato alle associazioni: la Cooperativa Libera Terra Puglia con i loro prodotti biologici, Emergency, Nero Carbone, Circolo Arci La Factory di S. Pietro Vernotico, Libera.
Bancone del bar, Stand Panini alla griglia, Bancarelle di artigianato locale ed etnico…
Tantissima gente, e la festa è proseguita fino alle 3.30…
Stanchissimi ma Felici per la riuscita della festa, ci siamo proprio meritati un panino alla salsiccia, che ci siamo mangiati appoggiati l’uno all’altro, nel silenzio della notte.

Ora tutti a letto!
Giulia, Teresa, Gabriela B., Zakaria, Luca, Juanan, Paola, Gabriela T., Daniela, Louise, Francesco

Diario Campi di Hiso – Loc. S.Barbara - Torchiarolo (Br)

20 luglio 2011

Ultimo giorno di permanenza,
abbiamo ripulito la villa dal post-festa, che pare sia andata molto bene. Poi tutti al mare, prima una toccata e fuga causa vento forte, alla Duna confiscata, poi alle conche, più vicine alla villa e senza la presenza del vento…
Così tutti a fare il bagno, le foto di rito, una granita… e si rientra per l’ora di cena.
Serata passata in villa, tra saluti, scambi di indirizzi e numeri di telefono…

Domani si torna a casa!
Giulia, Teresa, Gabriela B., Zakaria, Luca, Juanan, Paola, Gabriela T., Daniela, Louise, Francesco

Diario del Campo per Teresa volontaria da Firenze

Durante il viaggio di andata provavo molta emozione per questa nuova esperienza. È la prima volta che faccio un Campo Antimafia, e prima dell'anno scorso non ne avevo mai sentito parlare. Confesso, le mie aspettative non erano molto positive. Secondo me tutto si sarebbe limitato a semplice lavoro di zappa e rastrello. La mia opinione non poteva essere più sbagliata. È stata un'esperienza unica nel suo genere, durante la quale abbiamo sì lavorato nei campi, ma, cosa più importante, abbiamo tenuto degli incontri con persone del posto, che vivono e hanno vissuto ogni giorno questa realtà, e che ci hanno parlato della loro esperienza personale ed esposto i problemi relativi alla Mafia e al sistema carcerario. Proprio per questo, solo venendo qui, ho potuto scoprire cose nuove e capire che molte cose che già sapevo erano in qualche modo errate. Infatti la Mafia è il soggetto di molte discussioni e assemblee nelle scuole di Firenze, ma a parlarne sono persone che, anche se esperte, sono comunque molto lontane da questa realtà, e che, in molti casi, si sono limitati a studiare l'argomento su libri, giornali: pertanto l'idea che può farsi una ragazza diciottenne come me è che queste organizzazioni vivano distanti dalla società e che non possano riguardare un semplice lavoratore che vive tranquillamente la propria vita. Venire qui mi ha fatto capire che invece le organizzazioni mafiose sono un problema di tutti. Anche se non sempre direttamente, i traffici illeciti mafiosi causano danni a tutta la cittadinanza. Come testimoniano le storie di Gaetano Marchitelli e Michele Fazio, giovani adolescenti che sono morti a causa di una guerra tra clan rivali per la conquista del territorio per lo spaccio di droga. Chiunque stia leggendo questo articolo potrà provare tristezza e dolore per loro e per i loro parenti, ma nessuno di voi potrà mai capire i sentimenti che ho provato guardando negli occhi persone che, mentre ci raccontavano queste storie, rivivevano quei momenti, quei giorni. Questa è stata una vera e propria esperienza formativa dove è stata data molta importanza all'informazione: in questo ha avuto un ruolo di rilievo la festa “Tana Libera Tutti”, che ha avuto luogo la sera del Martedì 19 qui nella Villa confiscata ad Antonio Screti, boss mafioso. Scopo della festa era quello di far vedere che stiamo lavorando per cambiare le cose, e che, a modo nostro, stiamo lottando. Le persone che ci hanno guidato in questa esperienza ci hanno fatto capire che non dobbiamo mai arrenderci, che non dobbiamo mai perdere la speranza in una realtà migliore e che uniti possiamo produrre frutti legali da ciò che era illegale. Come anche loro ci hanno ripetuto più volte, è importante capire che noi non siamo eroi, ma che cerchiamo di vivere e lavorare da persone giuste, come dovrebbe fare una qualunque persona. Certo, è difficile farlo sapendo che in un qualunque momento un mafioso potrebbe decidere di mettere fine alla tua vita, ma, come ha detto Borsellino: “Chi ha paura muore tutti i giorni, chi non ha paura muore una volta sola”.

Dedicata da Louise una volontaria del Campo da Udine
Andremo ai vigneti, Col sole ancora debole, Che tinta dal cielo, Di splendidi colori, Piedi sulla terra, Soffice il cammino, Chi la mano poggerà, Per potersela imprigionar.
Lavoreremo la mattina, Finche il sol non brucerà, E la voce di chi canta si spegnerà.
Gente differente, Accomunata dal caso, Che nella villa ci porterà, Il nord d’Italia, Finalmente si sveglierà, Fra le braccia ed il calor, Del sud e delle le sue città.
Parleremo della mafia, Della SCU e dell’omertà, Apriremo i nostri occhi ad un’altra realtà, Dell’Italia migliore mi godrò, Coloro con la speranza nel cuor, Che mi rendono orgogliosa . Di far arte di questo paese… Sorriderò.
Perché una luce nel buio, Del mio essere si aprirà, Fra polemiche e risate, Fra foto ed il mar, Fra gente strampalata, Fra pasti abbondanti, Fra incontri illuminanti..
Torneremo migliorati, fingo che debba ancora accadere, fingo che non sia passato, la nostalgia è crudele, andrò nel posto… in cui così bene sono stato.

commenti