Iniziative Passate / Ciai Centro Italiano Aiuti All'infanzia

Abbiamo sposato la causa del Ciai da alcuni anni, nell'ultimo ci siamo proprio gettati a capofitto nell'impresa di aiutare le bambine sfruttate nei bordelli Cambogiani. Nessuno meglio di colui che ci ha conquistato alla "causa" può spiegarci cos'è e cosa fa questa associazione, per questo lasciamo a lui la parola:
"E' difficile descrivere un'amicizia in poche righe. Il CIAI ed il Fuori Orario sono amici, ottimi amici. Forse perchè i fuori oraristi ed il sottoscritto amiamo le stesse cose, pensiamo agli stessi valori e siamo rapiti dalle stesse donne...
Il CIAI è un'associazione che si occupa di bambini. Bambini come lo siamo stati noi tutti, ma solo con problemi più grossi di quelli che, mediamente, abbiamo dovuto affrontare noi. Bambini poveri, orfani, in AIDS, relegati ai bordi delle città, obbligati alla prostituzione, dimenticati negli ospedali o nei cassonetti (magari ce ne fossero, di cassonetti, in Cambogia o in Etiopia...)...
Bambini come quelli che nessuno vorrebbe mai sapere esistere. Bambini che non hanno nulla e nulla potrebbero avere se non ci fossero persone come i fuorioraristi che vogliono aiutarci a curarli, vestirli, scolarizzarli...
Nella stagione 2000-2001 il Fuori Orario ha regalato al CIAI 43.000.000 circa per aiutare bambine strappate alla prostituzione. Soldi vostri (grazie alla soprattassa CIAI, pari a circa mille lire per ogni consumazione), loro (ogni socio, collaboratore ed amico del F.O. ha versato anche soldi propri, autotassandosi) e dei cantanti (che ci hanno regalato una bellissima serata di canzoni, musica e solidarietà l'11 maggio scorso, intitolata "Io ci sono").
Quest'anno sei fuori oraristi sono venuti con me in Cambogia a vedere cosa stiamo facendo con i soldi raccolti e a lavorare nei nostri centri, come volontari, d'estate.
L'anno nuovo poterà ancora solidarietà, volontariato, musica e amicizia.
Gocce nell'oceano?
Forse per i disattenti.
Ma le tante gocce raccolte e che raccoglieremo stanno ceando un mare così bello da essere indimenticabile.
Proprio come i sogni che facevamo da bambini e che adesso, con qualche sforzo, possiamo realizzare.

Marco Scarpati www.ciai.it"

commenti