La Leggenda / Prima Pagina

La cautela e la parsimonia sono componenti della nostra educazione difficili da abbandonare. Di fronte all’”azzardo” di aver preso Attimo, cercammo subito di frenare gli entusiasmi allestendogli uno spazio bar da far impallidire un talebano. Intanto non c’era l’acqua corrente (sopperivamo con un secchio con dentro una spugna), il frigorifero era uno scarto di famiglia, il bancone un’asse da ponte da muratore.

Lui fu talmente bravo da trovare in quella miseria il superfluo. Se lo fece bastare e qualcosa avanzò. (l’acqua, ad esempio).

Taneto, Paese già scosso dalle malelingue che dipingevano il Circolo come luogo di perdizione, sesso libero, scambio di coppie…., ebbe finalmente la ciliegina sulla torta e potè finalmente dire, senza peli sulla lingua: “Ecco, anca culà”.

Noi, invece, ci stupivamo nel leggere quotidianamente sui giornali articoli che parlavano di noi, della musica, dei tanti soci e di “Taneto di Gattatico”, ridente paesino in provincia di Reggio Emilia.

Sino ad allora ci si era finiti per un qualche sfortunato che aveva lasciato la pelle nel terribile incrocio.

Adesso si leggeva qualcosa di diverso. I concittadini si appassionavano al pari di Beatifull.

La telenovela, che già aveva avuto picchi d’ascolto in occasione di alcune clamorose separazioni amorose al nostro interno, conobbe il suo apice quando in prima pagina la Gazzetta di Reggio pensò bene di titolare “3000 pastiglie di Ecstasy sequestrate al Fuori Orario”

Finalmente!!, anche drogati e spacciatori. Inutile spiegare ai genitori, che nel frattempo avevano tolto il saluto e cambiato la serratura di casa, che si trattava di un After Hours organizzato al Marabu; in effetti la verità la si leggeva solo in ventitreesima pagina e se avevi lo stomaco per arrivare fino in fondo all’articolo del deficiente.

La lezione se non altro servì per capire che fare musica a basso costo, far divertire a basso costo, lasciare entrare vestiti a basso costo a qualcuno dava fastidio. (peccato per quel fantastico locale col nome da uccello che diventerà presto lo spazio per un ipermercato del cazzo!!!)

Servì anche per capire che oltre alla musica il circolo, che quell’anno fece suonare oltre 130 gruppi, tra i quali mi piace ricordare Francesco Guccini, Bennato, Ottavo Padiglione, Modena City Ramblers (doppia data), Vinicio Capossela (doppia data), Dirotta su Cuba, 99 Posse e Bisca insieme, …. poteva fare di più aiutando chi aveva meno, dandoci una ragione vera per continuare ad essere da “prima pagina”.

leggenda prima pagina

commenti